La solitudine, l’angoscia, la speranza nella lirica di Emily Dickinson

La solitudine è uno stato dell’anima che ha segnato fino in fondo la forma di vita di Emily Dickinson….Nemmeno le parole dell’angoscia,di questa emozione fondamentale della vita, sono sconosciute a E.Dickinson. Ci sono alcune splendide poesie nelle quali l’angoscia,assumendo dimensioni e connotazioni tematiche diversa, si fa talora così intensa e così incandescente da incrinare e corrodere la identità personale.
(…)
Non ci sono solo le linee tematiche della tristezza e della malinconia, del dolore e del silenzio, della inquietudine agostiniana e dello smarrimento, della mistica del cuore, nelle poesie di E.Dickinson, ma anche quelle, benchè solitarie, segnate dala presenza di stati d’animo diversi da questo, e talora dalla presenza di una emozione fragile e friabile, lunare e impalpabile, e nondimeno di radicale importanza nella vita, come è quella della speranza.
(…)
La speranza è l’elemento tematico luminoso e nostalgico di questa eterea poesia.

E’ la “speranza” una creatura alata
che si annida nell’anima –
e canta melodie senza parole-
senza smettere mai-

E la senti dolcissima nel vento-
e ben aspra dev’essere la tempesta
che valga a spaventare il tenue uccello
che tanti riscaldò-

Nella landa più gelida l’ho udita-
sui più remoti mari-
ma nemmeno all’estremo del bisogno
ha voluto una briciola – da me.

Molto bella e suggestiva è la definizione della speranza come creatura alata che fa il suo nido nell’anima e che canta melodie silenziose senza mai interrompersi. Non meno lirica, del resto, è la immagine di una speranza dolcissima….Ma come è solitaria, e come ostinata e ribelle, questa speranza che, udita nei mari estremi e in gelide lande, non vuole essere aiutata mai.
da E. Borgna, Come in uno specchio oscuramente, Milano 2007, Feltrinelli.

 

L’immagine tematica del libro di Eugenio Borgna, noto psichiatra, è quella della follia, ,sfortunata sorella della poesia…,come uno specchio incrinato nel quale oscuramente si riflettano le angosce, le inquietudini dell’anima,la tristezza e la fragilità, le attese e le speranze infrante, la nostalgia e il bisogno di dialogo,della condizione umana nei suoi problematici,femminili e maschili,orizzonti di senso e nel suo mistero.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: