L’esaltazionedi Van Gogh

Van Gogh parla, nelle lettere, del suo bisogno terribile di religione. ” E allora vado fuori di notte a dipingere le stelle..”  E dei girasoli dipinti nel 1888 dice: “Ora riuscirò a fondere quegli ori, e quei toni di fiori…per arrivare a questo giallo stridente ho avuto bisogno di un po’ di esaltazione” (…) la follia non ha creato nulla di essenzialmente nuovo nell’arte di Van Gogh: facendo nondimeno rinascere in essa qualcosa che, senza la follia, non si sarebbe manifestato nei modi con cui si è tematizzata la sua pittura.

da E. Borgna, Come in uno specchio oscuramente, Milano, Feltrinelli,  2007.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: